Close

Not a member yet? Register now and get started.

lock and key

Sign in to your account.

Account Login

Forgot your password?

I Santuari di Loano e dintorni…

TopSantuario Nostra Signora del Monte Carmelo – Loano

Monte_Carmelo

Sul Monte Carmelo sorge il Santuario Nostra Signora del Monte Carmelo edificato tra il 1603 e il 1608 dall’architetto Rembado e voluto dal principe Andrea Doria II, conte di Loano come è ricordato da una iscrizione sulla porta d’ingresso.

La pianta è a croce latina con cupola ottagonale, 5 altari tardo-rinascimentali custodiscono opere del Passignano, Vanni e Paggi con gli stemmi delle nobili famiglie.

Sotto il presbiterio le “Tombe dei Doria”, sepolti fino al 1793.

Oggetto del culto è la statua della Madonna del Carmine, opera di scuola del Maraglino del XVIII secolo.

Il complesso è costituito dalla chiesa coronata dall’alta cupola, dalla torre isolata all’estremità settentrionale, e dal convento intorno all’ampio chiostro. Fu iniziato nel 1603 e terminato nel 1608.

TopSantuario dei Santi Cosma e Damiano – Loano

SS_Cosma_Damiano

Dal convento di Monte Carmelo una salita tra folti uliveti raggiunge il Santuario dei Santi Cosma e Damiano: dal santuario eretto nel XVII secolo, con le classiche forme semplici dei santuari campestri, si gode di una splendida vista panoramica sul porto e sui colti che degradano verso il mare.

La chiesetta primitiva risale al 1070 ed è stata ricostruita in epoca recente sulle basi dell’edificio preesistente.

Secondo una tradizione non documentata, era la chiesa frequentata dai loanesi fuggiti dalla costa prima del Mille per la paura delle incursioni saracene e rifugiatisi fra le colline in posizioni nascoste e lontane della riva del mare sopra l’altare maggiore della chiesa, a pianta centrale a una sola navata, è custodita l’immagine dei Santi Cosma e Damiano.

Antistante la chiesa si estende un ampio piazzale semicircolare con maestosi cipressi secolari.




TopSantuario Nostra Signora di Loreto – Loano

IMG_1371Conosciuto anche con l’appellativo di “La Madonnetta” e “Nostra Signora della Neve” sorge sul mare nelle vicinanze del porto di Loano ed è’ il più antico edificio medievale sulla costa di Loano.

Infatti la sua origine risale al 775 e 1171,periodo in cui su Loano dominavano i benedettini dell’abbazia di S. Pietro in Varatella.

Essi costruirono la chiesetta per utilità dei fedeli, che dimoravano lungo la costa ed alcune stanze come deposito di merci e ospizio per viandanti e monaci, che erano in viaggio per raggiungere il cenobio.

Oggetto della devozione popolare è il dipinto della Madonna col Bimbo, seduta sulla S.Casa di Loreto. Opera del XV secolo, è collocata sull’altare maggiore.

TopSantuario Visitazione Maria Santissima – Loano

Piazza Italia vista da Palazzo DoriaLa festa del 2 Luglio è anche chiamata la FESTA DEL MARE, infatti in questa occasione la statua della Madonna della Visitazione viene portata in spalla dalla confraternita delle Cappe Turchine, che le fanno fare tre inchini per due volte di fronte al mare.

La tradizione tramanda che la notte tra il primo e il due Luglio del 1637, all’orizzonte di Loano apparvero navi di pirati.

Gli abitanti di Loano si raccomandarono alla Madonna della Visitazione ed uscirono in processione con fiaccole, candele e crocifissi. Nel buio notturno quel movimento di luci spaventò i pirati che probabilmente credettero di trovarsi davanti una guarnigione difensiva, per cui rinunciarono all’attacco.

Da allora il 2 Luglio è a Loano una giornata di festeggiamenti. Il santuario fu edificato tra il 1650 e il 1699 a navata unica con volta a botte.




TopSantuario San Giovanni Battista – Finale Ligure

Finale_Ligure-chiesa_San_Giovanni2La Basilica di S.Giovanni Battista o dei Cappuccini sorge sulla pieve altomedioevale. La facciata è fra due campanili l’interno è a tre navate divise da colonne, e l’altar maggiore è in marmo policromo.

Il tabernacolo è racchiuso tra colonne a tortiglione e ai lati del pallio due volti d’angelo. Del Bruschetto le opere sulla volta e i tre affreschi sulla vita di San Giovanni.

Tra le dodici Cappelle la più ricca è quella dell’Immacolata con una statua della Madonna del 1681. La Cappella di Sant’Antonio è l’unica senza colonne: in quella di Sant’Andrea spicca il quadro che ne raffigura la morte; in quella di San Giuseppe è curiosa la tela con il dettaglio di angioletti che giocano con i ferri da falegname.

La Basilica è presente inoltre un crocifisso attribuito al Maragliano.

TopSantuario Nostra Signora del Soccorso – Pietra Ligure

screenshot_141Il Santuario Nostra Signora del Soccorso fu edificato nel XVI dalla famiglia di Andrea. La chiesa è a navata unica, ampliata lateralmente e con i portali in marmo di D. Solari.

All’interno l’altare marmoreo di G. Porta è sormontato da una pala seicentesca di B. Castello, al cui centro è stato inserita l’immagine quattrocentesca di Nostra Signora del Soccorso rappresentata con il Bambino in braccio che tiene nella mano destra un cardellino.

Nella facciata del santuario, restaurata nel 1988, si trova un’ampia lunetta, un portale rettangolare incorniciato da stipiti di pietra nera di Lavagna sormontato da un bassorilievo mariano racchiuso in una piccola nicchia.

TopSantuario Madonna del Buon Consiglio – Borgio Verezzi

Borgio_Verezzi-santuario_Madonna_del_Buon_Consiglio3Il patrono di Borgio è San Pietro Apostolo, al quale è dedicata una chiesa barocca. Il campanile fu eretto nel 1076 come riporta la data scolpita su una pietra e poi ritoccato in epoche successive.

Modifiche alla chiesa furono fatte attorno al 1400, nel 1453, nel 1500 e nel 1688.

La chiesa attuale risale al XIII secolo, a tre navate con abside poligonale quattrocentesca e campanile a cuspide a piramide poligonale.

L’altare maggiore è del 1721. La chiesa dal 1808 era nota come oratorio di Santo Stefano sede dell’omonima confraternita.

Nel 1954 la chiesa divenne Santuario con il titolo della Madonna del Buon Consiglio. La festa della Madonna del Buon Consiglio ricorre il 25 aprile.

Ai lati del portale si aprono due ampie finestre. Nel 1790, sul lato orientale della chiesa, viene costruito il campanile.